Pagine

mercoledì 27 gennaio 2016

Recensione: "La farfalla con le ali di cristallo" di Demetrio Verbaro

Un libro per cui ringrazio l'autore per avermelo donato e mi scuso per il ritardo con cui l'ho letto.. quest'anno recupereró tutte le letture di voi autori.. parola di Blogger altro che boyscout!! Ahahahahaha XD

La farfalla con le ali di cristallo
di Demetrio Verbaro 

Editore: Lettere animate
Pagine:
Prezzo: 10,90€

Voto:1.5/5

Trama: ll 3 marzo del 1520, il sacerdote azteco Ghetumal consegna al conquistadores spagnolo Hernan Cortes un libro sacro. Ghetumal l’aveva trovato qualche anno prima sotto la statua della dea della pioggia. Nessuno sa chi l’ha scritto, né quando. Nel libro c’è sia una profezia sul futuro: il 18 agosto del 2044 qualcosa sconvolgerà il mondo, e sia una mappa da decifrare per cambiare il corso degli eventi.
Los Angeles 2043. L’esploratore Matthew Lekos e lo studioso di storia Walden Green entrano in possesso del libro. Derisi dalla comunità scientifica per la loro ingenuità, sono gli unici a credere nella profezia e riescono a decifrare la mappa, cercando in tutti i modi di aiutare l’umanità.
La profezia sarà vera? Cosa succederà il 18 agosto del 2044?
In un susseguirsi di colpi di scena, tra svolte imprevedibili e pagine piene di suspence, il lettore arriverà all’incredibile finale.
Il romanzo è un thriller intimistico ambientato in un futuro prossimo, con uno stile diretto e ricco di pathos.


Questo libro aveva un potenziale straordinario che secondo me è stato gettato alle ortiche, ma cominciamo dal principio. 

Breve parentesi sul 1520 quando un sacerdote atzeco consegna un libro sacro a un conquistatore spagnolo in cui è segnato il destino del mondo..

E poi facciamo un mega salto al 2043 quando un multimiliardario entra in possesso di questo libro codificato e uno studioso di storia Walden Green deriso dalla comunità perché voleva mettere insieme una spedizione per cercare il suddetto volume si incontrano e iniziano a lavorarci sopra per svelarne il segreto. 

Bene.. questa in soldoni è la trama passiamo alla parte dolente?! 
La parte iniziale quella ambientata nel 1520 poteva essere un po' approfondita magari faceva scoprire qualcosa di più dopo che il libro è stato consegnato ma rimane  comunque la parte del libro che ho apprezzato di più del volume, da qui questa mia curiosità. 
La restante parte.. il difetto, a mio parere sempre, è che l'autore taglia le parti migliori!!!! 
Una miriade di descrizioni di come sono vestiti i personaggi, il rimarcare della loro forma fisica in ogni scena che a me sinceramente non fregava nulla di come era sempre figa la figlia di Lekos, e nelle parti dopo per esempio quando Walden studia nello studio di Lekos per decifrare il libro non dice nulla a parte appunto i suoi pensieri quando vedeva lei. Cioè una parte del genere andava sviscerata anche un minimo. E così in parecchie altre parti come il finale per dirne un'altra: dalla scoperta che fanno un balzo al futuro assurdo senza presentarci un quadro di questa Terra che muore insomma, senza mostrarci l'evoluzione di tutti i fatti, il tutto è molto sterile ed è veramente un peccato!
La storia d'amore è un cotto e mangiato si vedono e sta apposto finito li innamorati e felici perché lei è gnocca e lui sfigato ma fortunato per averla cavalcata... così come le altre storie degli altri 6 personaggi che sinceramente sono tristissimi e poco interessati che anche loro si guardano e sbam è amore eterno e profondo.. uno schiaffo all'amore questo. Un po' di introspezione, un po' di realismo non avrebbe guastato!!!!
In tutto questo però ste cavolo di descrizioni sempre accurate 0.0 che palle. I dialoghi sono tristi, freddi e terribilmente preparati a tavolino, oggettivamente sono assurdi, ogni tanto una frase buttata li che vorrebbe risultare tenera ma a me è parsa rigida e composta.
A me i personaggi non mi hanno detto proprio nulla, non so cosa provino, non so cosa gli sia passato per la mente soprattutto a Walden mentre decifrava il codice però so cosa indossavano XD
Il codice... è.è seriamente poteva uscirci qualcosa di assurdamente geniale, invece si è rivelato banale e scontato ;_; non sto qui a dirvi cosa nasconde anche perché povero libro lo sto massacrando pezzo per pezzo perciò con le critiche mi fermo qua e passo a dirvi cosa mi è piaciuto. 

Mi è piaciuta l'idea di base della storia. Mi è piaciuta l'introduzione ambientata nel passato ben fatta, ben descritta in cui questi personaggi sono riuscita ad apprezzarli veramente perché ben caratterizzati e veri. Veri senza frasi artificiali stile meccanici, dove si muovono in un contesto ben orchestrato. 
Mi è piaciuta tutta la parte che descrive la tecnologia futuristica. Una tecnologia inteliggentissima, una genialata.. bello bello!
Il finale è stato troppo sbrigativo perché butta li la cosa e ciao mondo e l'ho detto e sinceramente il finale da una parte mi ha stupita perché era impensabile una cosa del genere assolutamente, ma da una parte è troppo assurda quasi campata in aria, uscita magicamente dal cilindro stile coniglio perciò diciamo che mi è piaciuta a metà..

In sostanza che dirvi a me purtroppo non è piaciuto granché perché molte cose inutili e poca sostanza importante però come vi ripeto spesso questa è una mia idea, ognuno di noi ha gusti diversi perciò una cosa che a me non puoi piacere a un'altra persona si. Provatelo, leggetelo e fatevene, alla fine, una vostra idea che è sempre quella più importante!! Fatemi sapere se lo avete letto e come lo avete trovato ;)

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie mille per il vostro commento.. e buona permanenza nel mio salotto