Pagine

giovedì 18 giugno 2015

Recensione: "Ho bisogno di te" di Daniela Sacerdoti

Ben ritrovati lettori è un periodo che sto cercando di riattivarmi con le recensioni, infatti il mio quaderno si sta riempiendo, vista la mole in arretrato che ho e di ricominciare con le letture degli autori che sono in stallo da troppissimo tempo nel mio kobo... perciò bando alle ciance ed ecco una delle ultime letture concluse che ho amato *_*

Ho bisogno di te
di Daniela Sacerdoti

Editore: Newton Compton
Pagine: 320
Prezzo: 9,90€ / 5,90€ ed. economica

Voto: 5/5

TramaEilidh, trentacinque anni, ha il cuore infranto: ha perso il bambino che aspettava e che aveva tanto desiderato, e in più ha scoperto che suo marito Ted ha una relazione con un'altra donna. Sconvolta, Eilidh decide di lasciare Southport e di trasferirsi per un po' nella piccola cittadina scozzese di Glen Avich, nelle Highlands, dove ha trascorso l'infanzia. Qui abita ancora il suo migliore amico di un tempo, Jamie, che ha avuto una storia altrettanto dolorosa: vive da solo con sua figlia Maisie, una bambina adorabile frutto di una breve relazione con una pittrice capitata a Glen Avich quasi per caso e tornata alla sua carriera artistica a Londra appena dopo la nascita della piccola. Eilidh e Jamie provano una forte attrazione reciproca, ma hanno sofferto troppo in passato per riuscire ad abbandonarsi alle emozioni. Qualcuno però in segreto veglia sulla loro felicità. E il destino non tarderà ad aiutarli...


Ho bisogno di te narra la storia di Eilidh, il cui più grande sogno è diventare mamma e quando finalmente arriva dopo anni e anni di tentativi e mille cure e inseminazioni artificiali ha un aborto crolla in depressione insieme al suo matrimonio, che non era più tale già da un po' di tempo. Decide di lasciare tutto e tutti e di tornare alle sue origini a Glen Avich, piccolo paesino delle Highlands scozzesi dalla zia ormai anziana.
Questa è anche la storia di Jamie, vecchio amico di Eilidh, padre single dopo che la moglie ha deciso che quel posto la rendeva troppo triste e di voler tornare a dipingere a Londra lasciando Jamie e Masie per sempre. Jamie che ama sua figlia più di sè stesso, ma che ha un profondo desiderio di amare, di colmare quel vuoto nel petto dove regna la solitudine.
Ad aiutare il destino abbiamo Elizabeth, la madre defunta di lui che desidera ardentemente poter vedere felici i due insieme prima che lei se ne vada definitivamente anche con il suo spirito.

Un libro dolcissimo, triste, di grande impatto emotivo, che affronta tanti temi quale; l'abbandono, l'aborto, la perdita delle persone a noi care, la solitudine, la difficoltà dell'essere un genitore single... un libro che ti rapisce il cuore. Veramente bellissimo!!!!!!!!

1 commento:

  1. Anch'io l'ho letto e mi è piaciuto abbastanza. Dovrei leggere il secondo della Sacerdoti, è uscito da qualche mese per la Newton. Non so se però è collegato a questo qui.

    RispondiElimina

Grazie mille per il vostro commento.. e buona permanenza nel mio salotto