sabato 30 marzo 2013

Buona Pasqua

Amici del salottino, vi auguro una felice Pasqua ^^ domani sarò a casa del mio sposo e non potrò darvi i miei auguri perciò lo faccio questa sera... Mi raccomando mangiate tanta cioccolata e divertitevi come non mai e fate tante belle letture ;p 
Vi mando un bacione immenso e ci rivediamo martedì... :)


Recensione: Sogni di vetro

Mi porto avanti con qualche recensione visto che domani mi finiscono i minuti a internet e devo aspettare martedì per poterli riattivare... ma gli auguri ve li faccio in un altro post dopo :) QUI potete trovare il post con l'incipit del libro che vi recensisco e fatemi sapere se lo avete letto e che ne pensate... Buona lettura! :)

Titolo: Sogni di vetro 
Autore: Mariangela Camocardi
Editore: Leggereditore
Pagine: 170
-Formato ebook-

Trama: Quando una ragazza si presenta alla sua porta, sostenendo di aspettare un figlio da lui, il barone Vito Giordani rimane esterrefatto. È fermamente convinto di non aver mai incontrato la ragazza, tantomeno di essersi intrattenuto con lei. Chi è mai questa affascinante sconosciuta che dice di chiamarsi Virginia? Vito sospetta che si tratti di una ricattatrice. Purtroppo l’orgoglio e la presunzione lo portano lontano dalla verità: la ragazza non è in cerca di soldi, ma è mossa da un sentimento sincero, quello che ogni donna vorrebbe poter seguire senza esitazioni. E per questo Virginia scompare senza lasciare traccia, spinta da un coraggio che solo le grandi eroine sanno tirare fuori. Determinato a ritrovarla, Vito si lancia in una ricerca che lo porterà a mettere in discussione tutte le sue convinzioni, fino a provare sulla propria pelle le emozioni più profonde. Soltanto così riuscirà a scalfire le sue difese e ad avvicinarsi a una donna che gli insegnerà cosa sia vivere e amare davvero fino in fondo. In questa prova, uno dei grandi classici del romance italiano, Mariangela Camocardi fa emergere le sue doti di abile narratrice di intramontabili romanzi storici.

Recensione

Ho iniziato questo libro per caso, ho iniziato l'incipit per la puntata della rubrica "Chi ben comincia..." e sono andata avanti per curiosità visto il numero ridotto di pagine e devo dire che è stato un miscuglio di emozioni, l'ho odiato e l'ho amato...
Questa è stata la seconda volta devo dire che ho odiato il personaggio maschile,Vito.. Lui ha tutto ciò che odio in un uomo, poche palle (passatemi la finezza del termine) e tanta insucurezza, preferisce credere alla mamma, nonostante sa che è un'arpia e non a Virginia che non sa più come fargli entrare nella zucca quello che solo alla fine del libro capirà.
Contrariamente ho ammirato Virginia, una donna forte, matura per i suoi diciassette anni, ligia al dovere, onesta, che non si fa piegare da niente e da nessuno nonostante la sua vita sa povera e difficile basti guardare che razza di padre abbia.
Un personaggio che mi è piaciuto molto è stato il fratello di Vito, Curzio (mamma mia che nome brutto XD) che devo dire mi ha sorpreso, con l'affermazione del suo carattere e contemporaneamente dolce, premuroso e giusto.
Della mamma poi non ne parliamo, stronza fino al midollo e oltre, la avrei presa a pedicate quella arpia! 

Virginia dopo essere rimasta incinta, si reca da Vito a portargli la notizia e per chiedergli se per caso non potesse momentaneamente prestargli un'abitazione per poter scappare dal padre fino a quando non avrà accumulato abbastanza soldi per potersi permettere una casa propria. Ma quando gli riferisce l'accaduto, lui non sa neanche chi sia lei, perchè quella sera era ubriaco tanto che non ricorda nulla lei compresa e fino alla fine non crederà mai il figlio fosse il suo.
Tra mille litigate questo libro si sfoglia da se nonostante per tutta la lettura avrei voluto schiaffeggiare quell'imbecille di Vito che non riesce a vedere la verità nonostante gli sia sbattuta sul muso più di una volta.

Il linguaggio devo dire che non rispecchia propriamente il dialetto di quel secolo nonostante sia ambientato in Italia a Milano e questo mi ha dato un po' fastidio. Inoltre abituata all'Inghilterra non mi è piaciuto molto questa ambientazione mi è risultata un po' sconosciuta e fredda, priva di dettagli che arricchiscono un romanzo rosa e che comunque aiutano la lettrice a sentirsi parte della storia.
Come ho già detto, nonostante questi elementi negativi, il libro mi è piaciuto, una storia che si legge quando si vuole una lettura poco impegnativa... Ho notato che in questo periodo ne sto leggendo parecchi di libri poco impegnativi... ^_^

Voto: 2,5/5

Giveaway: Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell'ombra

Carissimi come state?? Anche questa settimana non sono riuscita a preparare il post di My personal beauty >.< mi farò perdonare promesso ^^ comunque tornando all'argomento del post....

Sul sito di Man Ekang c'è in corso un giveaway per poter vincere 3 copie cartacee del libro "Laila Volpe e Evindi Mott" 


Avete tempo per poter partecipare fino a lunedì 1 aprile, perciò affrettatevi ^^ Intanto vi lascio qui di sotto la trama del libro messo in palio..

La giovane torinese Laila Volpe incontra Evindi Mott, alla lezione di antropologia culturale del professore Debrossac. L’incontro in apparenza casuale era in realtà voluto dal ragazzo africano nel quadro di una sua prova di iniziazione, nella società dei suonatori di Mvett. Ma dopo averlo sorpreso in flagrante, il professore Debrossac lo convincerà ad aiutarlo per ritrovare sua figlia scomparsa misteriosamente in Torino. Evindi Mott accantonerà successivamente i suoi primi progetti per Laila e, insieme al professore,aiuterà la ragazza a dare un taglio ai suoi incubi ricorrenti. In questo contesto, Laila conoscerà l’esistenza delle “monete del fato” e imparerà che la sfortuna non è nient’altro che il risultato di un’attenta manipolazione di certe entità, da parte di coloro che hanno la conoscenza di alcune leggi della natura. L'acquisizione di questo sapere da parte di Laila, scatenerà l’ira di coloro che tenevano un cospicuo traffico delle sue capacità intellettuali e delle sue chance.
Come mai ci si riduce a vivere un’esistenza poco gratificante quando in realtà, sembravamo promessi ad un grande destino? Come mai un progetto che sembrava ben partito fallisce improvvisamente? Ecco il tipo di domande alle quali Laila riceverà una risposta non necessariamente razionale, ma sicuramente convincente.

Per iscrivervi e per il resto delle informazioni vi rimando direttamente al link del blog del libro -> QUI

In bocca al lupo accaniti lettori ^^

venerdì 29 marzo 2013

Omaggi da... #21

Sera carissimi, inaspettatamente ho ricevuto un regalo veramente graditissimo dalla cara Isabel C. Alley di cui ho letto il suo libro "Il diario di Isabel" (QUI la mia recensione) che altro non sarebbe un collegamento tra  il primo libro e il secondo che deve ancora uscire ed è uno spin-off sulla figura di Lorenzo Ferranti.
Il libro non contiene spoiler e può essere letto tranquillamente anche se non avete letto Il diario di Isabel.. e le sorprese non sono finite, perchè come regalo l'autrice per Pasqua lo mette gratis online dal 12 aprile... Si avete letto bene gratis, perciò perchè non provare ^_^ 


Titolo: Come into my Wonderland
Autore: Isabel C. Alley
Editrice: Auto pubblicato
Pagine: 70
Prezzo: 0,00€

Trama“Ci sono missioni che una cacciatrice di vampiri non può permettersi di rifiutare. Non davanti alla richiesta del vampiro più potente della zona: Lorenzo Ferranti.
Se questo nome non vi dice nulla, significa che non avete mai incontrato il mio cliente. Non ci si può scordare di Lorenzo Ferranti: è forte, ricco, affascinante... Un angelo caduto dal cielo, penserete voi.
E se vi confidassi che la sua malia potrebbe rivelarsi altrettanto pericolosa? E se aggiungessi che quel vampiro sarebbe disposto a tutto, pur di ottenere ciò che più gli interessa?
Per un'intera notte, il mio compito sarà quello di restare al suo fianco e proteggerlo da un'incombente minaccia. Non posso dire che questa missione sarà mortale, perché mentirei. Lo è molto di più colui che sarà il mio compagno, in questa serata piena di luci e ombre, di dolcetti colorati e aitanti Stregatti.
Seguitemi dunque in questa Wonderland fatta di sangue e lussuria. E non dimenticate le vostre maschere!
Se non sapete chi sono, leggete il mio Diario. Scoprirete la storia di Isabel Cariani, cacciatrice di vampiri per vendetta."

giovedì 28 marzo 2013

Chi ben comincia... #21

Chi ben comincia... è la rubrica ideata dalla carissima Alessia del blog Il profumo dei libri che ringrazio perchè questa rubrica mi piace tantissimo e poi non so vi può essere utile per stuzzicare la vostra curiosità ^^ Questa rubrica la posterò ogni giovedì ^_^... In che cosa consiste?

-Apri un libro a caso dalla tua libreria
-Riporta le prime 5, 10, 15 frasi dell'inizio del libro
-Aspetta i commenti.



Non c'è un motivo preciso per cui io vi posto l'incipit di questo romanzo ho lasciato al caso la scelta, ho preso l'e-reader e il primo che mi ispirava ho postato ;p non l'ho letto perciò lo faccio con voi, ma se qualcuno di voi lo avesse fatto fatemi sapere se vi è piaciuto o anche se vi incuriosisce da questo pezzettino iniziale :)

***

Campagna lombarda
Ottobre 1885

Gli occhi blu della giovane donna si velarono di preoccupazione quando si posarono sull'imponente dimora dei Giordani. Si ergeva solida oltre il viale, e benchè si fosse aspettata qualcosa di simile, nulla l'aveva in realtà preparata all'impatto che le stava suscitando. Timore, speranza e disagio si alternarono sul suo viso espressivo in un mutevole gioco di espressioni contrastanti, tradendo l'ansia spasmodica che le annodava lo stomaco.
Già vista dall'esterno la casa era un'armonia di linee che lasciava immaginare saloni voluminosi, divani soffici e caminetti che tenevano l'inverno e il suo gelo fuori dalle finestre esposte al sole e scherniate da tendaggi che difendevano l'intimità di chi vi abitava. Quelle mure parlavano di ricchezza, di agi e di lusso, il che rendeva Virginia, ancora ferma sul cancello socchiuso, penosamente consapevole del suo abituccio di stoffa scadente, dei suoi logori stivaletti, delle sue mani sciupate. La sua povertà strideva davanti a quella costruzione che si stagliava splendida sullo sfondo del cielo sereno. Una leggera brezza mitigava la calura quasi estiva di quella giornata autunnale, scompigliando i flessuosi rami si alcuni salici che abbellivano l'ampio giardino. 

- Sogni di vetro di Mariangela Camocardi -

martedì 26 marzo 2013

Auguri di buon compleanno spò ^_^

Volevo fare un post che a nessuno fregherà niente, ma poco male :) che non parla né di libri, né di trucchi, nè di film ma un post di auguri perchè oggi è il compleanno del mio carissimo e volevo farglieli anche qui... nel mio blog che è parte della mia vita come lo sei tu spò :p e volevo ritagliarti un piccolo angolo, infondo mi sopporti sempre con pazienza i miei deliri di fronte ai libri nuovi in libreria, su internet anche quando li vedo in tv, per i film che a volte ti costringo a guardare anche se dormi dopo 5 minuti... e mi è sembrato carino farti una sorpresa ^^

Volevo farti gli auguri amore mio anche se non so se leggerai questo mio post se non te lo dico io che c'è... ti auguro che possano portarti fortuna e meno acciacchi mio vecchietto 23 enne :) Ti amo tanto nonostante ti lamenti sempre, infondo mi preoccuperebbe se fosse il contrario e poi anche io mi lamento.. che bella coppietta che siamo ^_^ dopo 6 anni passati con te penso che mi annoierei da sola, noi che ci siamo regalati pezzetti della nostra vita tu hai portato colore e movimento nella mia vita fatta di letture e di uscite con le amiche a fare shopping e passeggiate, di sere a casa con il pigiama sul divano con i miei cani, e io ti ho portato un po' di calma in mezzo al tuo mondo sfrenato fatto di mille impegni e mille passioni, mille amici e mille avventure ;p
Spero di poter essere con te per tanti altri anni per farti tanti tanti auguri e per dirti ancora e ancora quando bene io ti voglia e che persona stupenda tu sia!!

Un bacetto carissimo spò :)


sabato 23 marzo 2013

Recensione: Imprinting love

Buona sera ^^ breve recensione mentre guardo Harry Potter nella speranza di vedere tra un pezzetto e un altro Robert Pattinson *_* ok va bene sto seria e vi lascio alla lettura ;p

Titolo: Imprinting love
Autore: Mariachiara Cabrini
Editore: 0111 edizioni
Pagine: 172
Prezzo: 12,90€ cartaceo
-Formato ebook-

Trama: Anna ama da anni, in segreto, il suo migliore amico, Marco.  Non riesce a superare questa sua infatuazione, nonostante sappia di non avere speranza e arriva alla conclusione che è tutta colpa dell’imprinting! Lui fu la prima persona a prenderla in braccio, appena nata, e l’imprinting fece il suo lavoro, come fosse stata un’oca.  Marco è ora fidanzato con una ragazza odiosa e superficiale e Anna soffre più che mai, ma grazie all'intervento di due sue amiche e di circostanze favorevoli, forse qualcosa cambierà…


Recensione


Un libro semplice, poco impegnativo per sotto l'ombrellone quando fa talmente tanto caldo che ti sembra di squagliarti ;p oppure per un pomeriggio al calduccio e ti senti giù e hai voglia di una lettura senza pensiero.

Anna è una ragazza comune, acqua e sapone con una vita abbastanza monotona e da sempre innamorata persa di Marco, il suo migliore amico. Da sempre soffre per lui, per tutte le sue "bellissime fidanzate" perchè si scorda i suo compleanno, ma lei gli perdona tutto. Fino a quando le sue due amiche che tra cui lavorano anche con lei nella libreria interverranno per spingere Anna a fare il primo passo.
Come ho già detto è un libro che si legge senza metterci troppo impegno, se da un lato è una cosa positiva essere il libro "fuga dalla realtà" da un altro manca tutto il resto. La scrittura è veramente troppo troppo elementare, dialoghi molto poveri, non ci sono colpi di scena, la protagonista passa le sue pagine giornate a rimuginare su Marco, di quanto è bello, simpatico, intelligente e di quanto lei non sia alla sua altezza, della sua antipatica ragazza, del suo peso, dei suoi difetti... bla bla bla. 
A parte qualche battuta che rallegra il libro, non è che sia andata pazza di questo libro, è quella classica storia che una volta finita non ti lascia niente...

Voto: 2/5



Le recensioni di Ilaria: Il sexy club del cioccolato

Salve a tutte!! dopo una lunga settimana eccomi qui!! :P.
Questa volta vi voglio parlare del libro di Carole Matthew "Il sexy club del cioccolato"

Titolo: Il sexy club del cioccolato
Autore: Carole Matthews
Editore: Newton Compton
Pagine: 345
Prezzo: 6,90€

TramaQuando problemi sentimentali chiamano, il cioccolato risponde. Questo è il segreto di un quartetto di amiche londinesi - assillate da uomini di volta in volta goffi, impotenti, viziosi e irascibili - che, come antidoto alle delusioni amorose, si riunisce nella migliore pasticceria della città per mangiare cioccolatini prelibati e trovare insieme le soluzioni alle più disparate questioni di cuore. Nasce così "Il sexy club del cioccolato": una società segreta che si riunisce quando qualcuna delle sue aderenti invia alle altre un SMS con su scritto "emergenza cioccolato" e in cui l'unico uomo ammesso è lo splendido pasticcere omosessuale.

Recensione

Dal titolo qualcuno può pensare ad un libro osè...(questo è quello che ha pensato mia madre quando gli ho fatto leggere il titolo del libro !!! -.-"") invece devo dire che è stato uno di quei acquisti di cui non mi pento (ed è difficile che io mi penta dei libri che mi compro:P).
Comunque tornando a noi considerando che io adoro...anzi no io amo i romanzi rosa, non potrei dare una recensione positiva..:P:P
Quattro amiche unite da una sola passione...quella del cioccolato. 
Ed è questa unione che le aiuterà a superare insieme tra consigli e rimedi, i momenti difficile della loro vita quotidiana...sorseggiando (giustamente aggiungerei io) da una tazza di cioccolata fumante...(Debora ma perchè non lo facciamo pure noi?!?! bere una bella tazza di cioccolata calda ogni volta che ci vediamo!!!!...Ma tu sei perennemente a dieta!!!!....Ma quando finisce sta dieta?!?!?..XD)
La lettura del romanzo è stata molto piacevole e fluida (insomma andava che era una meraviglia:P:P:P) troviamo quella ironia femminile che a solo noi donne ci è stato diagnosticato nel DNA!!!!... e di certo non mancherà quel pizzico di pazzia delle protagoniste...fino a rimanere meravigliate a cosa possono arrivare le 4 amiche in quello che poteva essere una missione da Charly's Angels (con una angel in più anzichè tre ne sono quattro!!!)...( ma si scrive cosi Charly's Angels?!?!:P XD).
Non manca che continuarle a seguire nel secondo romanzo...e chissà cosa combineranno questa volta...mah!!!! non ci aspetta che leggere!!! :P:P:P

Voto: 4/5
Piccola nota per Ilaria (perdonatemi il fuori parentesi XD)... non scocciarmi io non sto a dieta, non mangio tutto quello che cacci dalla credenza e dal frigo quando vengo a casa tua ecco ;p la cioccolata calda mi fa schifo se mi offri pizza e thè freddo alla pesca ci vediamo a casa mia quando vuoi ^_^

giovedì 21 marzo 2013

Recensioni: Legata a te & Giochi d'affari... Piccole sfumature o piccole fregature?

Doppia recensione e doppio giudizio negativo, mi mancava scrivere giudizi negativi sopratutto dopo tantissime letture stra stra positive ^_^ 

Titolo: Legata a te
Autore: Alison Tyler
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: 28

TramaQuando la coinquilina di Kate scarica Jules Rodriguez perché le ha chiesto di fare con lui qualcosa di stravagante, Kate è curiosa di sapere di che cosa si tratti. Jules le è sempre sembrato il tipo giusto con cui poter condividere le sue fantasie fantasie di dominio e di sottomissione di cui nessun altro era a conoscenza. Come potrà fargli capire che sarebbero due compagni di letto perfetti?

Titolo: Giochi d'affari
Autore: Alegra Verde
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: 32

TramaQuando il capo la sorprende mentre fa sesso con un cliente in ufficio, Gloria si aspetta di essere rimproverata; ma Bruce Davies ha in mente altri progetti su di lei. Lui la vuole. Ancora più incredibile è quando le confessa di voler sapere cosa fa a letto. Gloria è scioccata o forse eccitata.

Recensione

Mi sono sempre chiesta il perchè mi ricordo, anche se non nei minimi dettagli, i libri pessimi, quelli che una volta chiusi non ti lasciano niente se non il pensiero di aver tolto del tempo a un libro che merita di più... Infatti la cosa non è stata diversa con questi due piccoli volumi da poche pagine, io li ho letti mentre facevo la baby-sitter e le bimbe dormivano, si leggono velocemente per il semplice fatto che sono poche pagine. Più che libri li definirei racconti, pessimi racconti.
Personaggi sciapi, senza carattere, poco definiti e senza dimensione e devo dire mi fanno un po' pena per la loro "vita" o per lo meno quel poco che possiamo vedere perchè a parte il sesso, che è pure pessimo (io potrei fare di meglioXD), non c'è altro. 
Non vi ho trovato ne amore, ne attrazione di quella vera, e tanto meno mi hanno trasmesso un qualsiasi sentimento, se non quello della noia, ci sono situazioni al limite dell'assurdo e del ridicolo.
E ciliegina sulla torta non c'è una trama che regge, in nessuno dei due volumicini, finali pessimi senza capo ne coda, non c'è un solo elemento che ti faccia dire "vabè almeno quello, meglio di niente.." no niente, non una nota positiva, bocciati in pieno senza rimorsi, ne ho altri nell'hard disk mi pare, ma se le premesse sono queste...

Voto: 1/5


"Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell'ombra" di Man Ekang

Vi segnalo un libro che non è noto in rete o per meglio dire io non l'ho visto in giro e che mi è stato proposto dall'autore ed è uscito il 2 marzo ;p fatemi sapere che ne pensate, se vi incuriosisce.. :)


Titolo: Laila Volpe e Evindi Mott. I trafficanti dell'ombra
Autore: Man Ekang
Editore: Lulu. com
Pagine: 260
Prezzo: 17,60€ cartaceo

Trama: La giovane torinese Laila Volpe incontra Evindi Mott, alla lezione di antropologia culturale del professore Debrossac. L’incontro in apparenza casuale era in realtà voluto dal ragazzo africano nel quadro di una sua prova di iniziazione, nella società dei suonatori di Mvett. Ma dopo averlo sorpreso in flagrante, il professore Debrossac lo convincerà ad aiutarlo per ritrovare sua figlia scomparsa misteriosamente in Torino. Evindi Mott accantonerà successivamente i suoi primi progetti per Laila e, insieme al professore,aiuterà la ragazza a dare un taglio ai suoi incubi ricorrenti. In questo contesto, Laila conoscerà l’esistenza delle “monete del fato” e imparerà che la sfortuna non è nient’altro che il risultato di un’attenta manipolazione di certe entità, da parte di coloro che hanno la conoscenza di alcune leggi della natura. L'acquisizione di questo sapere da parte di Laila, scatenerà l’ira di coloro che tenevano un cospicuo traffico delle sue capacità intellettuali e delle sue chance.
Come mai ci si riduce a vivere un’esistenza poco gratificante quando in realtà, sembravamo promessi ad un grande destino? Come mai un progetto che sembrava ben partito fallisce improvvisamente? Ecco il tipo di domande alle quali Laila riceverà una risposta non necessariamente razionale, ma sicuramente convincente.

Se volete leggere i primi 3 capitoli potete andare QUI... mi pare di avevi detto tutto e... fatemi sapere :)

Omaggi da... #20

Sera sera sera a tutti ^^ non so come ma mi è sfuggito il post su questo libro che mi è stato dato da un'autrice emergente Daniela Binacci, che ringrazio moltissimo e con cui mi scuso XD!! 


Titolo: Quel desiderio di semplicità
Autore: Daniela Binacci
Editore: Auto pubblicato
Genere: Narrativa
Pagine: 176
Prezzo: 17,00€ cartaceo

TramaNel lungo cammino alla ricerca della felicità, Celeste aveva finito con lo smarrirsi e tutto il resto si era inevitabilmente frantumato, sotto lo sguardo impassibile dei soliti orrori quotidiani.
Tuttavia, nonostante le dolorose recriminazioni di Ivan, lei non rimpiangeva nulla di quanto fatto, provato o vissuto sin da quando si erano conosciuti, quasi 12 anni prima. Assolutamente nulla. Nessuno l’aveva né indotta né obbligata a fare certe scelte o a prendere simili decisioni. Sapeva bene che era necessario correre qualche rischio nella propria vita per cercare di ottenere qualcosa. “Tutto quello che vuoi è lì, oltre la paura” le ripeteva sempre Angela.
«E adesso?» chiese a se stessa nello specchio. «Cosa posso fare? Cosa devo fare per riprendere in mano la mia vita?» 

Ma, si sa, quando nella vita ci si fa una domanda, bisogna anche essere pronti a coglierne la risposta, sollevando quel velo che a volte maschera la realtà. Allora, cambiano le percezioni. Le direzioni. Le illusioni. E intanto, la vita scorre, segnata da chi ci resta dentro. 

Celeste è speciale. Anche se ancora non lo sa. Quando la conoscerete, vi conquisterà con i suoi occhi e le sue parole. Solleticherà le corde giuste del vostro cuore o magari scuoterà forte i vostri pensieri come una tempesta, un terremoto. Inevitabilmente, riconoscerà in ognuno di voi, un segno. Uno di quei segni che la vita lascia appiccicati addosso. Uno di quei segni che ci fanno sentire umani, simili e, soprattutto, vivi. 

Chi ben comincia... #21

Chi ben comincia... è la rubrica ideata dalla carissima Alessia del blog Il profumo dei libri che ringrazio perchè questa rubrica mi piace tantissimo e poi non so vi può essere utile per stuzzicare la vostra curiosità ^^ Questa rubrica la posterò ogni giovedì ^_^... In che cosa consiste?

-Apri un libro a caso dalla tua libreria
-Riporta le prime 5, 10, 15 frasi dell'inizio del libro
-Aspetta i commenti.


Giornooo incipit di un libro che volevo da tempo e di cui ho visto il film e mi è piaciuto anche se al finale ci sono rimasta di sasso perchè mi aspettavo qualcosa di meglio... chissà se il libro è uguale o migliore?? ^_^ voi se lo avete letto che ne pensate?

***

Era l'inverno più gelido che il regno avesse mai conosciuto. La brina copriva le lapidi  del cimitero. I cespugli di rose nel giardino del castello erano quasi del tutto spogli, le foglie avvizziate e scure. Re Magnus era immobile sul limite della foresta insieme al duca Hammond, ad attendere l'arrivo dell'altro esercito. Poteva vedere il vapore del proprio respiro. Nuvole lente e dense che si spandevano davanti al suo viso prima di dissolversi nella fredda aria mattutina.Aveva le mani intorpidite. Non sentiva il peso dell'armatura, né il fastidio della cotta di maglia che gli premeva sul collo con un metallo così gelido da mordergli la pelle. Non era preoccupato per i nemici sull'altro versante del campo di battaglia, non aveva paura. 
Dentro di sé, era già morto.
Eppure il suo esercito era dietro di lui. Il nitrito di un cavallo echeggiò nella nebbia. "E' trascorso quasi un anno" pensò. "E' morta quasi un anno fa." Le aveva sorretto il capo tra le mani, era rimasto a vegliarla mentre la vita abbandonava il suo sguardo. Cosa doveva fare?
Chi era, ormai, senza di lei? Trascorreva il tempo nelle sue stanze, la figlia appollaiata sulle ginocchia, ma il dolore lo avvolgeva in una nube troppo fitta. Non udiva una parola di ciò che la piccola gli diceva. -Si, Biancaneve - rispondeva sovrappensiero, mentre lei lo tempestava di domande. -Certo tesoro lo so.
All'estremità opposta del campo, avvistò l'esercito nemico. Erano guerrieri ombra, una scura tribù riunita sotto l'influsso di una misteriosa forza magica.

- Biancaneve e il cacciatore di Lily Blake -

mercoledì 20 marzo 2013

I miei acquisti #56

Buon pomeriggio carissimi anche se a quest'ora probabilmente starete pranzando ^^ con un giorno di ritardo ma posto i miei acquisti fatti domenica con Ilaria e al centro commerciale con il mio amore :) che ogni volta mi sopporta "pazientemente" che girovago tra gli scaffali indecisa ;p 

Una calda estate in Texas di Lisa Kleypas

Nonostante l'infanzia passata in una famiglia difficile, Ella Varner è riuscita a crearsi una vita serena, accanto all'affettuoso Dane e con un lavoro che ama: tiene una seguitissima rubrica di consigli su un giornale. Quando qualcuno ha un problema, scrive a Ella, e lei ha sicuramente una risposta. Ma quando è Ella ad avere un problema? Per esempio, quando la disastrata sorella Tara spunta fuori dal nulla per affidarle Luke, il figlioletto appena nato, e poi scompare? Con il suo spirito pratico, Ella si presenta da colui che tutti indicano come il padre di Luke, il miliardario Jack Travis. Un playboy impenitente, un uomo che guida sempre troppo veloce, vive troppo pericolosamente, e ama troppe donne. L'incontro tra i due sarà a dir poco esplosivo...

Delirium di Lauren Oliver

Nel futuro in cui vive Lena, l’amore è una malattia, causa presunta di guerre, follia e ribellione. È per questo che gli scienziati sottopongono tutti coloro che compiono diciotto anni a un’operazione che li priva della possibilità di innamorarsi. Lena non vede l’ora di essere “curata”, smettendo così di temere di ammalarsi e cominciare la vita serena che è stata decisa per lei. Ma mancano novantacinque giorni all’operazione e, mentre viene sottoposta a tutti gli esami necessari a Lena capital’impensabile. Si infetta: si innamora di Alex. E questo sentimento è come ritornare a vivere, in una società di automi che non conosce passione, ma nemmeno affetto e comprensione, Lena scoprirà l’importanza di scegliere chi si vuole diventare e con chi si vuole passare il resto della propria vita...

Le notti bianche di Dostorvskij


Le notti bianche è, insieme a Delitto e castigo, la più amata e la più letta delle opere di Dostoevskij. Protagonista è la figura del sognatore, nella cui esistenza, chiusa in un mondo di fantasticherie, irrompe per un breve attimo la giovane Nasten’ka. 
Simbolo del pulsare delle emozioni, Nasten’ka offrirà per la prima volta al sognatore scampoli di vita vera, finché una sua lettera, con l’annuncio delle proprie nozze, non lo “risveglierà” per riportarlo al suo destino di illusioni.
Il giardino segreto di Frances Hogson Burnett

Protagonista del Giardino segreto è la piccola Mary Lennox, una bambina di nove anni che, orfana di entrambi i genitori, viene affidata a uno zio, il nobile gobbo lord Archibald Craven che vive in un tetro castello sperduto nella brughiera. Qui Mary scopre che la natura malinconica dello zio è dovuta alla morte della moglie Lilias avvenuta nel loro giardino personale. A causa della disperazione, lo zio Archibald aveva chiuso quel giardino e fatto sotterrare la chiave, così che nessuno potesse mettere piede in quel luogo "sacro". Mary, con l'aiuto del pettirosso del giardiniere, trova la chiave che le occorre per aprire quel misterioso giardino e riesce a penetrarvi. Ma ben presto la piccola orfana si troverà alle prese con un altro insospettato segreto. Con una particolare attenzione al mondo interiore dei personaggi e ai rapporti con la natura Frances Hodgson Burnett, nonostante abbia scritto una tenera e appassionata favola, ha lasciato che la vita vera e reale emergesse da ogni pagina.

Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas

Un romanzo sui forti sentimenti e sulle passioni negative che inquinano l'animo umano, la storia di un uomo che, simile a Satana, volle sentirsi uguale a Dio, divenendo strumento della giustizia e della provvidenza divine. Il capolavoro di Alexandre Dumas, pubblicato per la prima volta nel 1844 e divenuto un modello per i romanzi d'avventura di Ottocento e Novecento, racconta le vicende di Edmond Dantès, tra peripezie e colpi di scena. Sbarcato a Marsiglia con il Pharaon, la nave mercantile di cui sta per essere nominato capitano, Dantès viene arrestato nel mezzo della sua festa di fidanzamento con la bella catalana Mercedes e accusato di bonapartismo. Dietro il suo arresto c'è l'invidia di tre uomini per la sua felicità e il suo successo: il pescatore Fernando, suo rivale in amore, il contabile Danglars, che aspira a conquistare il suo posto, e Caderousse, un amico geloso. Nonostante proclami la sua innocenza, Dantès viene incarcerato nel castello d'If, terribile prigione in mezzo al mare. Qui fa la conoscenza dell'abate Faria, uomo intelligente e coltissimo, che gli racconta di un tesoro nascosto sull'isola di Montecristo. Quando, dopo 14 anni, Edmond riesce finalmente a fuggire, si impossessa di questo tesoro. Divenuto ricchissimo, torna in Francia con il nome di conte di Montecristo e un unico obiettivo: vendicarsi.

Voi cosa avete comprato??

lunedì 18 marzo 2013

Recensioni: L'innocenza del peccato

Buona sera carissimi ^^ ormai le mie rubriche le sto perdendo per strada >.< oddioo comunque da quando ho scoperto Lisa Kleypas ci sto andando sotto, mi manca solo il terzo libro della serie della famiglia Travis e poi ne faccio una recensione unica per tutti e tre ^^ mi piace tantissimo! *_* e sono innamorata ufficialmente di Gage ahhaha ok basta torno seria e vi lascio alla recensione di questa sera... 
Ringrazio Liliana Marchesi per avermi regalato il continuo del L'origine del peccato (che potete leggere QUI)  grazie grazie grazie ^_^ la tua serie mi sta piacendo moltissimo!!

Titolo: L'innocenza del peccato
Autore: Liliana Marchesi
Editore: Auto pubblicato
Prezzo: 2,99€ ebook - 14,00€ cartaceo
2° volume dell trilogia del peccato

TramaKathleen è cresciuta alla Casa degli Angeli, un orfanotrofio di Parigi, affrontando la solitudine con l’aiuto di Giselle, sua inseparabile amica. Mancano solo tre giorni al suo diciottesimo compleanno, data in cui dovrà abbandonare per sempre l’istituto e cominciare a cavarsela da sola, ma il mondo soprannaturale al quale appartiene non può più aspettare. Rapita, o forse salvata da Seth, verrà condotta al cospetto Lilith, potente Edena che farà di tutto per spingerla ad uccidere Evangeline... soprattutto omettere che si tratti di sua madre!

Recensione (spoiler per chi non ha letto il primo volume)

Secondo volume della trilogia del peccato, devo dire che mi è piaciuto molto più del primo sotto molti aspetti di vista a partire dal personaggio maschile che nel primo non mi ha suscitato molta fiducia e non ha catturato i miei sensi ;p
Anche se i personaggi cambiano, l'ambiente cambia e la storia cambia, il tutto va avanti secondo il filo del primo libro, solo da un altro punto di vista e con un salto di tempo che se non sbaglio è di tre anni.
Kathleen ha sempre vissuto nella Casa degli Angeli, un orfanotrofio di Parigi e tra un paio di giorni compirà 18 anni il che vuol dire diventare maggiorenne e doversi arrangiare e imparare a vivere da sola fuori da tutto ciò che fin'ora ha conosciuto senza sapere cosa fare e dove andare, ma quando di recano in biblioteca uno strano terremoto sconvolge e uccide tutti tranne lei grazie all'intervento di Seth un ragazzone affascinante, tutto muscoli che la trascinerà via e deciderà per lei cosa fare ^^
In contemporanea abbiamo la visione di quello che sta facendo Evangeline con Nimue che se ricordate nel primo li avevamo lasciati che partivano di nascosto da Adam e Mael per andare alla ricerca della figlia di cui non aveva ricordi.. 
Viene svelato di più sulla misteriosa Lilith e qualcosina di più su alcuni misteri che erano rimasti in sospeso nel primo volume.

Seth devo dire che mi ha convinta un pochino di più di Mael, anche se all'inizio non mi quadrava, ma poi man a mano i suoi comportamenti prendono un senso, e me lo ha reso migliore ai miei occhi..
Kathleen è una ragazza che dovrà poverina crescere in fretta, la sua vita sarà una corsa continua e devo dire che mi è piaciuta molto, mi è stata subito simpatica.
Troviamo una Evangeline, completamente diversa: forte nello spirito e nel carattere così come nel fisico grazie agli insegnamenti di Nimue, determinata a ritrovare sua figlia e a far luce sul suo passato in cui ci sono ancora zone d'ombra.

Come nel primo volume Liliana Marchesi, riesce con una sola pagina, ma che dico con una sola frase che poi sono poche parole a sconvolgere tutto ciò che pensavamo di aver capito durante in libro, facendoti cadere la mascella per la sorpresa! Fantastico *_* adoro questi finali che ti danno la botta finale peccato che per il terzo volume si debba aspettare ancora un pochino >.<
Non mancano colpi di scena, avventura, combattimenti, magia e sentimento, bello bello bello!!!!!
Consiglio questa trilogia veramente perchè di solito il secondo libro non riesce a battere il primo, ma per me è una delle poche volte che lo batte e lo supera di gran lunga e poi mi è piaciuta di più la coppia Seth/Kath di Evangeline/Mael... chissà come sarà a questo punto il terzo, non vedo l'ora *_*

Voto: 4/5

domenica 17 marzo 2013

Poesy #19

Ahhahaha non state avendo un miraggio tranquilli ^^ sono io che dopo un'infinità di tempo risbuco con qualcosa di vecchio da riprendere ^_^ dopo avervi presentato stamattina la mia aggiunta al solottino, Ilaria, così da spaziare con le recensioni di altri generi di libri ;p ritorno con questa rubrica che spero di poter riprendere puntualmente ogni mese...
Voglio fare inoltre un augurio immenso ad Alessia del "Il Profumo di libri" che compie oggi un anno il suo magnifico blog *_* auguroniiiiii carissima, ti auguro tanti anni a venire pieni di belle letture!!!!!!!

Passando alla puntata di Poesy di oggi, sarà all'insegna delle frasi più belle del libro "Una piccola magia" di Lisa Kleypas, che ho dimenticato di incorporare nella recensione (QUI se volete leggerla)
Buona lettura ^_^




- Nel frattempo, decise di godersi ogni istante con Sam. Momenti rubati, pervasi dell’agrodolce consapevolezza che la felicità è effimera come la luce della luna.

-<<Voglio abbracciarti>> disse Sam a voce bassa.
Confusa, conscia del proprio rossore sempre più acceso, Lucy sbottò in una risatina nervosa. Ma Sam non sorrideva.
Avevano condiviso le più intime esperienze di sesso, si erano visti reciprocamente in ogni possibile fase di vestizione e vestizione.. ma in quel momento, un semplice, superficiale abbraccio era diventato una faccenda snervante. Lei fece un passo avanti. Lui la circondò lentamente con le braccia, come se un movimento improvviso potesse spaventarla. Si unirono in un cauto crescendo di vicinanza, curve che si plasmavano contro duri superfici dure, membra che combaciavano, la testa di lei che trovava il proprio naturale punto d’appoggio sulla sua spalla.
Rilassandosi completamente, Lucy sentì ogni suo respiro, pensiero, battito adattarsi a quelli di lui, come una corrente che fluiva tra i loro corpi. Se era possibile per l’amore esprimersi attraverso il puro e semplice contatto fisico, non nell’unione sessuale ma in qualcosa di egualmente vero e intero, allora era quello. Lì. In quel momento.

-L’amore era il segreto di tutto… l’amore era quello che faceva crescere la vigna e riempiva gli spazi tra le stelle, quello che rendeva salda la terra sotto i suoi piedi. Non importa che vuoi riconoscerlo oppure no. Non puoi  impedire alla terra di girare, trattenere le maree o annullare la forza di attrazione della luna. Non puoi far smettere di piovere o coprire il sole con un velo. E un cuore umano non è meno forte di tutto questo.

-Sam l’abbracciò e posò la guancia sui suoi capelli. <<Non importa dove vai adesso>> mormorò. <<Non importa cosa fai, noi siamo insieme. Una stella binaria può avere orbite lontane ma la forza di gravità la tiene insieme.>>

-<<Ho cambiato idea. Ho capito la pecca nel mio ragionamento. Ti avevo detto che era più romantico non sposarsi perché si restava insieme solo nei momenti belli. Ma mi sbagliavo. Ha senso solo se si resta insieme nei momenti brutti. Nel bene e nel male.>>
Lucy sollevò la testa per un altro bacio. Era un bacio di fede e di resa… un bacio che parlava di vino e di stelle e di magia… un bacio che parlava di svegliarsi al sicuro tra le braccia dell’uomo che amava, mentre la mattina saliva più alta del volo delle aquile e il sole stendeva nastri d’argento su False Bay.
<<Parleremo dopo di New York >> disse Lucy quando disgiunsero le labbra. <<Non sono ancora certa che ci andrò. Non sono nemmeno certa di averne bisogno, adesso. L’arte può nascere ovunque.>>

-Mentre giaceva contro il corpo di Sam, il battito forte e regolare del suo cuore sotto la mano, sentì che loro due erano come una coppia di remote stelle, catturate l’una nell’orbita dell’altra da un potere più forte  della fortuna o del fato, più forte persino dell’amore. Non c’era una parola per definire quel sentimento…  ma avrebbe dovuto esserci.

Recensione: Ti prego lasciati odiare

Saaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaalveeeeeeeeeeeeeeeee XD...mi chiamo Ilaria e sono l'amica di sventure di Debora...ho il grave compito di sopportarla tutti i giorni o quasi...:P:P...spero che nei prossimi giorni ci conosceremo meglio e vi dirò qualcosa di più di me e qualche difetto di Debora:P...scherzo scherzo le voglio un mondo di bene <3..  Oggi parlerò di un libro che subito ho adorato già dal titolo, mi sono innamorata della trama e sono letteralmente impazzita per la storia....sto parlando del libro di Anna Premoli...

Titolo: Ti prego lasciati odiare
Autore: Anna Premoli
Editore: Newton Compton
Prezzo: 9.90€

TramaJennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due team nella stessa banca d’affari londinese, tra di loro è da sempre scontro aperto e dichiarato. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: gestire i capitali di un nobile e facoltoso cliente. E così si ritrovano a dover passare molto del loro tempo insieme, anche oltre l’orario d’ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di Londra e le sue “frequentazioni” non passano mai inosservate: basta un’innocente serata trascorsa in un ristorante, per farli finire sulla pagina gossip di un noto quotidiano inglese. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con la collega hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca con il facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ben presto però, quello che per Jennifer sembrava uno scherzo, si rivela più complicato del previsto e un bacio, che dovrebbe far parte della messa in scena, scatena brividi e reazioni del tutto inattesi… 

Recensione

la storia si svolge in una Londra d'affari.Jennifer detta Jenny è uno avvocato fiscalista, lavora per una compagnia molto importante. Vive con le sue due migliori amiche Laura e Vera in un appartamento in periferia.
Cosa può andare storto in una mattina in cui è un ritardo pazzesco al lavoro?!?! Per di più proprio quella mattina che ha una riunione molto importante con Lord Bevery un nobile che ha saputo far fruttare tutte le sue ricchezze...
In suo aiuto arriva Ian St John nipote del duca Revington figlio di un marchese. Alto,con due occhi azzurrissimi. qualunque donna cadrebbe hai suoi piedi, ma Jenny lo reputa un odioso, altezzoso uomo pieno di sè.
Ma se non fosse stato per lui, quella riunione poteva andare a monte.
Lord Bevery vuole che entrambi lavorano per lui, ma non sa che in passato ci sono stati problemi di "comunicazione" tra Ian e Jenny quando lavoravano insieme. Ma questa volta le cose dovranno essere diverse...
Per non causare troppi pettegolezzi in ufficio, per i loro famosi litigi, dovranno vedersi fuori dal luogo di lavoro. Ma una foto scattata da un paparazzo farà di Jenny la nuova fiamma di Ian?!?! 
Lui coglie l'occasione al volo chiedendo a Jenny di diventare la sua  finta fidanzata cosi da togliersi di torno tutte le altre corteggiatrici. Lui in cambio gli darà carta bianca con il nobile Lord Bevery.
Jenny accetta la sfida ma ben presto capirà che questo non è più un gioco ma qualcosa di più complicato...

I libro personalmente mi è piaciuto moltissimo...la lettura è stata molto scorrevole e piacevole con alcuni colpi di scena, e di umorismo. Ringrazio infinitamente Debora per avermelo regalato per il mio compleanno...:):) Consiglio a tutti questo bellissimo libro..:):):)

Voto: 5/5 


giovedì 14 marzo 2013

Chi ben comincia... #20

Chi ben comincia... è la rubrica ideata dalla carissima Alessia del blog Il profumo dei libri che ringrazio perchè questa rubrica mi piace tantissimo e poi non so vi può essere utile per stuzzicare la vostra curiosità ^^ Questa rubrica la posterò ogni giovedì ^_^... In che cosa consiste?

-Apri un libro a caso dalla tua libreria
-Riporta le prime 5, 10, 15 frasi dell'inizio del libro
-Aspetta i commenti.



Ecco l'incipit del libro di Lisa Kleypas che sto leggendo attualmente tra lo studio di cosmetologia, dermatologia, apparecchi elettromeccanici e psicologia >.< e mi sta piacendo moltissimo *:*
E' il primo di una trilogia che continua con: Il diavolo ha gli occhi azzurri e Una calda estate in Texas (non c'è bisogno di dirvi che li ho già tutti in ebook e li leggerò uno dietro l'altro ;p)

***

Avevo quattro anni quando mio padre perse la vita in un incidente su una piattaforma di trivellazione. Non lavorava negli impianti. Era un supervisore della compagnia petrolifera e, in giacca e cravatta, andava a ispezionare le piattaforme.
Un giorno, durante una di quelle ispezioni - l'allestimento non era stato ancora ultimato - inciampò e cadde in una botola rimasta aperta. Precipitò per venti metri fino al piano sottostante e morì sul colpo, rompendosi l'osso del collo.
Impiegai parecchio tempo per capire che papà non sarebbe più tornato. Lo aspettai per mesi, seduta alla finestra della nostra casa a Katy, a ovest di Houston.
A volte mi appostavo all'imboccatura del vialetto e controllavo le macchine che passavano. Mamma continuava a dirmi di smetterla, ma io non volevo arrendermi. Forse pensavo che la forza della mia volontà sarebbe bastato a farlo ricomparire. 
Di mio padre mi restano pochissimi ricordi, o forse dovrei dire impressioni. Un paio di volte deve avermi portato in spalla - ricordo la durezza del suo torace sotto i miei polpacci, la sensazione di fluttuare nell'aria, ancorata dalla ferma pressione delle sue dita che mi stringevano le caviglie. E le grosse ciocche dei suoi capelli tra le mie mani, capelli neri e lucidi con un taglio scalato. Mi sembra quasi di sentire la sua voce che canta Arriba del cielo, una ninnananna messicana che immancabilmente mi regalava dolci sogni.

- Sugar Daddy di Lisa Kleypas -

Liebster Blog Award - 2

Giornoooo per me inizia il fine settimana finalmenteee visto che al corso il venerdì e il sabato quest anno non ci si va *_* e ne approfitto per frequentare le amiche, scrivere qualche post prima di sparire a causa studio... intanto ne approfitto per rispondere alle domande di Antonella del blog Sussurri di Parole e Miriam di Le passioni di Brully.. che ringrazio tantissimissimissimo per aver pensato a me e al mio piccolo salottino *_*
Non sto qui a ripetervi le regole e tutta la trafila, passo direttamente alla loro domande ^_^ 


Le domande di Antonella:

1. Di quante pagine era il libro più consistente che avete letto?
Non saprei, non abito momentaneamente a casa perciò non posso controllare nella libreria, però ho il volume unico della trilogia del signore degli anelli e la trilogia in volume unico di Licia Troisi, anche se non li ho letti sono loro i volumi più grandi ^^ di quelli letti non ricordo...

2. Vi siete mai presi una cotta per un personaggio maschile di un libro (o anche femminile perché no :P)?
*_* si di Edward Cullen in primis, io e la mia migliore amica eravamo perse, poi ci fu Darcy di Orgoglio e pregiudizio, e Alexander Barrington del Cavaliere d'inverno, oh e anche Ian de L'ospite sempre della Meyer... c'è ne sono stati altri ma loro mi sono rimasti nel cuore ;p 

3. Qual è il libro che vi ha fatto ridere di più?
Non mi ricordo se era quello di Federica Bosco o Sophie Kinsella mmmmh

4. E quello che invece vi ha fatto piangere consumando un pacchetto di fazzoletti?
Questa lo ricordo bene! Le parole che non ti ho detto di Nicholas Sparks, stavo sfiatando per quando ho pianto, che poi c'era pure mia sorella in camera e non volevo fargli accorgere che stavo piangendo... vi lascio immaginare che comica penso di essere diventata bordeaux... ahhahhahaha

5. Vi siete mai ritrovate in un personaggio uguale a voi in tutto?
Sai che non ci ho mai pensato?? no direi di no, però mi ritrovo molto con la timidezza delle protagoniste quando devono affrontare nuove situazioni come un cambio di scuola, sono una persona talmente timida che è difficile che esco da sola per quando mi imbarazza andare da sola O.o

6. Quale libro possiede la copertina più bella in assoluto?
Lo so che dopo la mia risposta mi direte tante parole dietro, ma *_* quella in cui in copertina c'è Robert Pattinson, Acqua agli elefanti di Sara Gruen... lo adoro che ci posso fare??? >.< però c'è ne sono molte che mi piacciono ^^

7. Qual è il primo libro che avete letto?
Il primo libro è Cipì letto in prima o seconda elementare, il primo libro che mi ha fatto amare la lettura Twilight.

8. Quale libro avete chiuso dopo poche pagine e riposto in un angolo invisibile della libreria?
Oh bè c'è ne sono parecchi a pensarci bene... Alcuni? Zia Mame, Il college delle brave ragazze di Ruth Newman, April in Paris di Michael Wallner, La ragazza fantasma di Sophie Kinsella, La giostra degli impiccati di Ann Featherstone, e poi c'è ne era un altro ma che in questo momento mi sfugge e che l'ho chiuso alla 6 pagina per quanto non c'è la facevo >.<

9. Di quale libro avreste cambiato il finale?
Ricordati di guardare la luna di Nicholas Sparks.

10. Quale libro consigliereste?
Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, si va sul sicuro sempre!

11. E quale sconsigliereste?
Zia Mame di Patrick Dennis. Lo odio dal profondo del cuore!

Le domande di Miriam:

1.Il tuo genere letterario preferito.
Un po' di tutto leggo ^^ a seconda del mio umore o del periodo, se mi sento coccolosa o voglio le coccole di sicuro un romanzo rosa ;p

2.Su che libro hai fatto la tua prima recensione?
Il diario del vampiro. Mezzanotte di Lisa Jane Smith. (se ci penso mi chiedo il perchè di aver scelto questo libro visto che è stata negativa la recensione ^^ potevo sceglierne una positiva :p si vede che devo fare sempre la pecora nera io... >.<)

3.Dolce o salato?
Salato per sempre *_*

4.Il tuo sogno nel cassetto.
Aprire una libreria o fare la restauratrice di libri antichi (ma non lo farò mai perchè non sono una persona che ama viaggiare e qua da me non ci sarebbe posto per me ^^)

5.Cartaceo o ebook?
Entrambi.

6.Ti piacerebbe essere immortale?
Si.

7.Che colore detesti?
ARANCIONE >.< non lo posso vedere!!!!

8.Un ricordo piacevole d'infanzia.
Tutti i miei giochi fatti all'aria aperta con tutti i miei amici che abitavano nel palazzo di fronte al mio d'estate fino alle 11 di sera. Ricordo quando tornavo a casa completamente sbucciata perchè non avevo visto qualche muretto ^_^ fisso li prendevo tutti io, ma non mi hanno mai scoraggiata dal fermarmi dal nascondino, continuavo dritta a correre fino alla fine :) che bei tempi! altri che tv, io sapevo a malapena cosa fosse..

9.Preferisci i capelli lisci o ricci?
Lisci.

10.Un libro che hai lasciato perchè non riuscivi a finire.
Ne ho lasciati mooolti, ma con la promessa che prima o poi li avrei ripresi ;p senza dita incrociate ^^

11.Un libro che non smetteresti mai di leggere.
Twilight!!! ahahhaha ne avevate dubbi??!